L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con circolare n. 5 del 9 agosto 2017, fornisce chiarimenti in merito alle conseguenze sanzionatorie derivanti dalla violazione della disciplina normativa inerente il contratto di prestazione occasionale ex art. 54 bis, Legge n. 96/2017.  L’Ispettorato precisa, per ciascuna tipologia di violazione, le conseguenze sanzionatorie o di altra natura alle quali può essere soggetto l’utilizzatore di prestazioni occasionali, in particolare, il superamento del limite economico o del limite orario,  la violazione del divieto di acquisire prestazioni di lavoro occasionali da soggetti con i quali l’utilizzatore abbia in corso o abbia cessato da meno di sei mesi un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa,  la violazione dell’obbligo di comunicazione e dei divieti di cui al comma 14, art. 54 bis, Legge n. 96/2017 e l’ ambito di applicazione della maxi sanzione e rapporti con la violazione dell’obbligo preventivo di comunicazione della prestazione occasionale.

Visita il sito